Corsi di formazione barman: tutto quello che devi sapere

Corsi di formazione barman: tutto quello che devi sapere

Vuoi diventare barman? Se questo è il tuo sogno, non puoi improvvisare, ma devi studiare. Sappi, infatti, che per diventare bartender dovrai seguire un percorso formativo apposito, dove imparare sia la teoria che la pratica.

Anche dopo aver imparato le tecniche di base, dovrai sempre rimanere aggiornato per conoscere le tecniche più moderne del settore. Ecco quindi tutto quello che devi sapere prima di iscriverti ad un corso di formazione per barman.

Perché seguire un corso di formazione per barman

Per diventare barman devi possedere un diploma conseguito presso una scuola alberghiera come “operatore di sala-bar”, e superare un esame di idoneità per l’attività di somministrazione di alimenti e bevande.

In Italia esistono numerosi enti che rilasciano questo attestato: la più antica e famosa è l’Aibes, ma ne esistono anche molte altre, come Planet One, Drink Factory e Mixology Academy. In alternativa a questo tipo di diploma, puoi frequentare un apposito corso di formazione per barman.

Per essere un bravo bartender, infatti, occorre necessariamente imparare e mettere in pratica le tecniche di base per la preparazione di caffè e cocktail.

Struttura del corso

Ogni corso di formazione per barman comprende sempre una parte teorica ed una pratica.

Nella prima imparerai le nozioni base relative alla merceologia da bar: dalle tipologie di acqua minerale alle varietà di caffè, fino, ovviamente, alla preparazione dei cocktail alcolici ed analcolici.

Il tutto, ovviamente, unito anche a tanta pratica. Inoltre, è importante che ci siano delle lezioni relative alla gestione generale di un esercizio commerciale, dove imparare i principi base della contabilità, la normativa igienico-sanitaria e quella assicurativa.

L’organizzazione didattica varia da corso a corso: alcuni, infatti, si concentrano in pochi giorni, con lezioni sia di mattina che di pomeriggio, altri invece si svolgono solo alcune ore a settimana.

Altri ancora, invece, si tengono alla sera, per facilitare chi lavora.

L’esame finale

Al termine del corso, prima di intraprendere la professione di barman, dovrai superare un apposito esame di idoneità per l’attività di somministrazione di alimenti e bevande.

Si tratta di una duplice prova: una parte infatti è scritta, generalmente articolata sotto forma di test a risposta multipla oppure aperta, e una è orale.

Durante l’orale non manca, ovviamente, una prova di carattere pratico, dove al candidato sarà richiesto di preparare un determinato cocktail secondo le richieste dell’esaminatore.

Costo

Il costo di un corso per diventare bartender varia a seconda delle tematiche affrontate e della sua durata.

In generale, comunque, un corso base ha una durata di circa 40 ore, ed il suo costo si aggira tra i 600 ed i 1000 euro.

I corsi di durata inferiore e pari a circa 20 ore hanno un prezzo più basso, generalmente compreso tra i 400 ed i 600 euro.

Esistono, poi, corsi più avanzati (cosiddetti corsi di secondo livello o di specializzazione), ciascuno dedicato a tecniche avanzate, come, ad esempio, quello di bartending acrobatico o quello di mixology.

Questi corsi di norma non costano mai meno di 500-600 euro, ma è possibile risparmiare qualcosa se si seguono quelli organizzati dalle associazioni di categoria.